Spedizione e reso gratuiti
Aiuto e contatti

La pompa per acqua è indispensabile per avere la giusta quantità negli usi domestici, ovvero pr aspirare acqua d adepositi, cisterne, pozzi, risolvere situazioni di emergenza negli allagamenti di lavanderie, scantinati, ambienti domestici.
I prodotti che abbiamo nel ns. catalogo on-line sono tanti e con mille proprietà differenti tese a soddisfare i bisogni e le esigenze più disparate; alimentate dalla corrente elettrica o con motore a scoppio si rivelano indispensabili per risolvere tante situazioni nel minor tempo possibile e con la massima efficienza.

Leggi di più... >

Chiudi Documento ▲

Imposta ordine ascendente

4 oggetto(i)

    • Alimentazione 230 V
    • Potenza 1100 W
    • Assorbimento 4,8 Ah
    • Capacità massima 250 lt/min
    • Peso (EPTA) 7,00  kg
    • In Magazzino - Pronto per la spedizione
    • Ordina adesso per riceverlo martedì 24 settembre 2019
    • Spedizione Gratuita con corriere espresso

    Prezzo di listino: 126,50 €

    Special Price 111,00 €

  1. Makita PF1010 Pompa sommersa acque scure

    potenza 1100 W – prevalenza h 10 m – immersione 5 m –

    • Alimentazione 230 V
    • Potenza 1100 W
    • Assorbimento 4,8 Ah
    • Capacità massima 240 lt/min
    • Peso 5,30 kg
    • In Magazzino - Pronto per la spedizione
    • Ordina adesso per riceverlo martedì 24 settembre 2019
    • Spedizione Gratuita con corriere espresso
    99,00 € IVA inclusa

  2. Pompa ad immersione Makita PF0300 acque chiare

    acque chiare - potenza 300 W - profondità immersione 5 m - capacità 140 l/min. - peso 4,20 kg -

    • Alimentazione 230 V
    • Potenza 300 W
    • Assorbimento 1,5 Ah
    • Capacità massima 14 lt/min
    • Peso 4,20 kg
    • Ordina adesso per riceverlo giovedì 3 ottobre 2019
    • Spedizione con corriere espresso
    57,50 € IVA inclusa

  3. Pompa immersione acque chiare Makita PF0800

    acque chiare - potenza 800 W - profondità immersione 5 m - capacità 220 l/min. - peso 6,10 kg -

    • Alimentazione 230 V
    • Potenza 800 W
    • Assorbimento 3,5 Ah
    • Capacità massima 220 lt/min
    • Peso 4,60 kg
    • In Magazzino - Pronto per la spedizione
    • Ordina adesso per riceverlo martedì 24 settembre 2019
    • Spedizione con corriere espresso
    81,00 € IVA inclusa

Imposta ordine ascendente

4 oggetto(i)

Scritto il 20/09/2019 da Erika C.

Pompa acqua: uno strumento prezioso per la più grande risorsa di vita

Questo argomento merita alcuni cenni di storia perché quello che stiamo per affrontare è un’invenzione che oggi ci sembra banale, ma che in realtà ha trasformato le nostre vite, facendoci risparmiare tempo e fatica. Secondo alcune fonti scritte, la prima pompa fu inventata dal genio di Archimede di Siracusa nel 300 a.C circa e veniva chiamata coclea. Questa era composta da una semplice vite inserita in un tubo e veniva azionata tramite la forza umana o animale: in questo modo il fluido coinvolto andava nella direzione voluta. Oggi invece, la pompa è un dispositivo meccanico che rende possibile lo scorrimento dell’acqua trasformando in energia idraulica l’energia erogata da un motore che permette di sfruttare un ricircolo di acqua per diverse operazioni: dallo svuotamento di un pozzo o di una piscina, a lavori di irrigazione. Chiaramente, per ogni scopo ci saranno pompe diverse e in questa guida cercheremo di fare chiarezza sulle tante tipologie disponibili sul mercato.

Prevalenza e portata della pompa

Prima di addentrarci nelle caratteristiche più specifiche, ci teniamo a precisare cosa sono la prevalenza e la portata di una pompa, finalmente con parole semplici. Questi due valori sono infatti molto importanti perché sono determinanti nella scelta dell’acquisto che farai e ti aiuteranno a capire qual è la pompa più adatta alle tue esigenze. La portata è la quantità di liquido che si riesce a spostare in un tot di tempo ed è infatti espressa il l/h, mentre la prevalenza è capacità in sé di spostare il liquido in altezza e viene misurata in metri ma… Tranquillo! non allarmarti: solitamente il grafico prevalenza/portata è scritto sulla confezione stessa della pompa.

Pompe sommerse

Pompa sommersa

La pompa sommersa o pompa a immersione è una delle tipologie più utilizzate nell’ambiente termoidraulico perché è lo strumento ideale per svuotare una zona allagata come ad esempio una una stanza o un ripostiglio in seguito ad un alluvione, ma anche per svuotare una piscina. Dalla parola stessa, per poter funzionare, questa macchina ha bisogno di uno strumento chiamato galleggiante; il galleggiante non è altro che una scatola con un sensore collegata alla pompa tramite un filo. In assenza di acqua, il galleggiante assume una posizione orizzontale, mentre in caso contrario, questo, essendo colmo d’aria, si alzerà fino ad assumere una posizione verticale e una volta raggiunta questa posizione, l’acqua lo farà galleggiare e si attiverà il sensore. Al contrario, quando l’acqua cala, il galleggiante tornerà in posizione orizzontale e il sensore si disattiverà. Il compito che spetta al galleggiante quindi, è quello di attivare la pompa, che trasforma l’energia elettrica in energia cinetica e un’altra componente particolare, detta girante, le conferirà pressione, spingendo il fluido verso l’alto.

Pompa immersione acque chiare

La pompa a immersione per acque chiare, è una pompa destinata ad aspirare acqua pulita e per acqua pulita si intende l’acqua di casa, potabile o non potabile, di irrigazione, quella sottoposta a trattamento di cloro (come nel caso delle piscine) oppure ozono. Questo tipo di pompa sarà quindi in grado di aspirare acque pulite e per questo motivo, la girante (lo strumento di cui abbiamo parlato nel paragrafo sopra) non sarà in grado di triturare residui molto grossi: infatti il suo residuo granulare è di circa < 5 mm e se te lo stai chiedendo…L’ acqua del mare non è considerata pulita perché a causa della salinità è molto corrosiva.

Pompa sommersa acque nere

La pompa sommerse per acque nere, detta anche pompa a immersione per acque scure, dovrà mostrare caratteristiche più performanti e soprattutto più resistenti di una pompa per acque chiare. Il suo residuo granulare, ovvero la capacità di “sopportare”/filtrare resti e detriti, può essere addirittura maggiore di 25 mm e questo è il motivo per cui è una pompa adatta per chi ha necessità di occuparsi del pompaggio dell’acqua laddove ci siano residui fangosi come nel caso di fosse biologiche o pozzetti fognari.

Pompa sommersa per pozzo

La pompa sommersa per pozzo è una delle tipologie più apprezzate dagli utenti, perché se si dispone di un pozzo in giardino, raccogliere l’acqua con il secchio per irrigare i fiori è piuttosto faticoso. Se ti ritrovi in quello che hai appena letto, questo tipo di pompa è quello che fa per te, ma presta attenzione ad alcuni piccoli particolari che potrebbero portarti a fare una scelta sbagliata: comprare una pompa con galleggiante ad esempio, sarebbe un errore, perché quando questo attiverà la pompa, l’acqua verrà sollevata. Presta attenzione anche alla profondità del tuo pozzo e di conseguenza alla capacità massima di immersione della pompa; anche la lunghezza del cavo elettrico è un particolare da tenere in considerazione e attenzione anche al materiale: scegli l’acciaio inossidabile, per evitare che la macchina si arrugginisca in tempi record.

Pompa 12 volt

La pompa sommersa da 12 v è una pompa ad immersione di dimensioni ridotte: la sua funzione principale è quella di svuotare piccoli spazi allagati come nel caso di infiltrazioni d’acqua su barche o gommoni. Questo tipo di pompa è l’ideale per uso domestico e hobbistico o per un utilizzo saltuario e il suo costo ridotto la rende uno strumento perfetto al 100% per chi non ha esigenze professionali o per chi è così lungimirante da pensare che nella vita prima o poi accadranno piccoli incidenti del genere e vuole acquistare una pompa da tenere in casa per utilizzarla in casi di emergenza.

Pompe di superficie

Pompe per irrigazione da giardino

Le cosiddette pompe da giardino permettono di svolgere diversi lavori tra cui l’irrigazione. Questi dispositivi meccanici infatti, sono in grado di aspirare l’acqua da serbatoi o cisterne per annaffiare piante, orti o prati e riescono a spingere l’acqua verso l’esterno con una forza tale che questa riuscirà a raggiungere anche distanze importanti e in questo modo, non sarai costretto a sprecare tempo in spostamenti per cercare di annaffiare più terreno possibile e potrai anche evitare di sprecare acqua corrente!

Pompa autoadescante

La pompa autoadescante è una tipologia di pompa che espelle in automatico (da qui il nome auto- adescante) l’aria presente nelle tubature durante la fase di avviamento cosicché dopo riuscirà ad aspirare l’acqua in totale autonomia, senza il tuo intervento. Il movimento rotatorio della girante creerà una forte turbolenza nel liquido all’interno del corpo pompa e una volta espulsa tutta l’aria dal condotto, la pompa si avvierà. In più, il vantaggio della pompa autoadescante è che nel corpo è installata una valvola di non ritorno che ne evita lo svuotamento quando la pompa si arresta: in questo modo, non dovrai aggiungerci altra acqua per consentire l’autoinnesco ad ogni ripartenza.

Pompa acqua autoclave

La pompa autoclave è un’invenzione a dir poco intelligente poiché è destinata ad aumentare la pressione dell’acqua laddove questa sia scarsa o insufficiente. E’ una sorta di salvavita per chi abita in un palazzo, soprattutto agli ultimi piani, perché spesso in questi casi la pressione dell’acqua è piuttosto scarsa, ma anche per chi ha bisogno di importanti quantità di acqua per irrigare terreni di proprietà, ad esempio. La pompa autoclave può infatti essere collegata sia a impianti idrici veri e propri sia ai serbatoi esterni colmi d’acqua e in entrambi i casi il risultato sarà uno: maggiore pressione ed efficienza…Ma come è possibile che avvenga tutto questo? L’autoclave è dotata di un vaso di espansione pieno d’aria e di un’elettrovalvola in grado di leggere le variazioni di pressione grazie alle quali l’autoclave si azionerà automaticamente al calare della pressione, ovvero quando verrà aperto un rubinetto nell’impianto.

Differenza di motore

Motopompa

La motopompa, chiamata anche semplicemente pompa a scoppio, funziona tramite motore a scoppio o a combustione, per cui stiamo parlando di una tipologia portatile che non ha bisogno di corrente elettrica ma di essere alimentata tramite benzina o diesel. Nella maggior parte dei casi, questo tipo di pompa viene utilizzato per l’irrigazione di giardini e in generale nell’agricoltura, perché stiamo parlando di prodotti professionali che grazie a questo particolare motore, hanno una potenza di gran lunga maggiore rispetto alle classiche pompe utilizzate in ambito domestico o hobbistico. Resta inoltre da precisare che quasi tutte le motopompe sono autoadescanti e per acque scure, proprio perché vengono utilizzate spesso in situazioni di emergenza, come nel caso di un incendio, in cui è necessario prelevare acqua da riserve di fortuna come i laghi e, considerata la fonte, si potrebbe inevitabilmente andare incontro all’aspirazione di detriti o sostanze di scarto in generale

Elettropompa

L’elettropompa è una tipologia di pompa alimentata dal motore elettrico, che sarà a spazzole o a induzione se di potenza molto elevata e… A proposito di potenza, questa viene espressa in chilowatt o Kw e attraverso questo valore capiremo quanto consumo energetico richiede una pompa per poter funzionare. Queste caratteristiche appena elencate sono comuni a tutte le pompe, mentre quello che cambia da modello a modello sono i supporti: ad esempio, in una pompa a immersione, questi saranno immersi nel liquido che devono aspirare, mentre in quelle di superficie, è molto più probabile che vengano installati all’esterno del bacino e quindi all’asciutto.

Domande

Francesco - 4 mesi fa

Salve
in quest'ultima settimana ho notato che durante il normale funzionamento, la pompa sommersa eroga meno acqua del solito. Quale può essere il motivo?
Grazie

Meri

Se durante il normale funzionamento, la pompa sommersa eroga meno acqua del solito le possibili cause dovrebbero essere le seguenti:
a)Potrebbe essersi abbassato il livello di falda (in questo casa si alza il punto di lavoro della pompa);
b) Si potrebbe essere intasato il filtro della pompa o si possono essere consumate le giranti della pompa;
c) Possibile perdita idrica nell'impianto;
d) Il pozzo è sporco (in questo caso l'acqua pompata è carica o melmosa)
Saluti

Mirco - 4 mesi fa

Ciao, quale è il diametro massimo delle particelle che possono passare nelle pompe per acque scure?

Lara

Ciao Mirco, per le acque molto sporche, esistono pompe specifiche con elevato passaggio granulare (> 25 mm). Per quanto riguarda i nostri prodotti parla di diametri di pochi millimetri: da un minimo di 5/ mm fino ad un massimo di 40 mm.
Inoltre, se hai intenzione di pompare melma, acque reflue molto sporche (carte, salviette, ecc.) o acqua di inondazione all'esterno (piccoli pezzi di legno, detriti, sassi, ecc.) esistono pompe dotate di una girante con passaggio granulare molto elevato.

Buona giornata!

Laurenzio - 4 mesi fa

Ciao, cos'è un motopompa autodescante?

Lara

Ciao Silverio, nella motopompa autoadescante, la pompa funziona rimuovendo l'aria contenuta nella tubazione di aspirazione. Una volta che questa è stata rimossa, funziona esattamente come una normale pompa di aspirazione a sommersione. I tubi di aspirazione più lunghi e più larghi hanno un maggiore volume d'aria da rimuovere, e un tempo di adescamento superiore. La tubazione d'aspirazione e la camera di tenuta devono essere a tenuta d'aria per consentire l'adescamento. Laddove possibile, si consiglia di inclinare la tubazione di aspirazione verso il corpo per limitare la perdita di liquido di adescamento nella linea di aspirazione durante l'adescamento e lo spegnimento.
Durante il ciclo di adescamento, l'aria della tubazione di aspirazione viene espulsa dalla tubazione di aspirazione nella tubazione di scarico: è necessaria una via per lo sfiato di tale aria. Se l'aria non viene sfiatata dal tubo di scarico, si consiglia di installare una linea di sfiato dell'aria che in genere è collegata dall tubo di scarico fino al bacino di pompaggio.
Una pompa si dice "adescata" quando il corpo e la tubazione di aspirazione sono completamente pieni di liquido. Aprendo leggermente le valvole di scarico si consente la fuoriuscita dell'aria intrappolata e si consente l'adescamento della pompa. Quando sussiste la condizione in cui la pressione di aspirazione può scendere oltre la capacità della pompa, si consiglia di aggiungere un dispositivo di controllo bassa pressione per spegnere la pompa quando la pressione supera un valore minimo predefinito.

Buona giornata!


Fai la tua Domanda

Il tuo indirizzo Email non verrà pubblicato.

* Campi Richiesti