Spedizione e reso gratuiti
Aiuto e contatti

L'Abbigliamento antitaglio nasce per soddisfare le esigenze di un settore di lavoratori che, quotidianamente, devono misurarsi con situazioni di pericolo costante; l'utilizzo di un attrezzo manuale o meccanico, come l'accetta o la motosega, comporta un livello di attenzione molto elevato, al quale, purtroppo, molte volte non corrisponde un altrettanta attenzione a ciò che si indossa. Ecco che, invece, anche la scelta dell'abbigliamento più adatto diventa di primaria importanza per la salvaguardia e la sicurezza del lavoratore. 
Le linee che potete vedere nel ns. catalogo on-line sono di altissima qualità per garantire la massima sicurezza e comfort durante tutto il ciclo lavorativo; giubbotti, salopettes, pantaloni progettati e realizzati con i migliori tessuti tecnologici studiati in laboratorio e testati nelle peggiori condizioni lavorative possibili, con risultati eccezionali. Le scarpe antinfortunistiche hanno una speciale protezione anteriore per salvaguardare l'incolumità degli arti inferiori in caso di contatto accidentale con la catena della motosega in movimento.....in poche parole: protezione e sicurezza a 360°!        

Leggi di più... >

Chiudi Documento ▲

Imposta ordine ascendente

14 oggetto(i)

Imposta ordine ascendente

14 oggetto(i)

Domande

Lapo - 3 mesi fa

Salve
la norma per abbigliamento EN381 a cosa si riferisce?

MERI

Salve
la norma EN 381 disciplina il settore dell’abbigliamento antinfortunistico antitaglio, realizzato con materiali e accorgimenti particolari studiati appositamente per ridurre al massimo il rischio di taglio, specialmente da seghe circolari o a catena. Questa particolare tipologia di abbigliamento è quindi utilizzato di solito da lavoratori che utilizzano spesso e volentieri strumenti da taglio come seghe e motoseghe, come i boscaioli o le guardie forestali, ma sono consigliati anche per tutti coloro che utilizzano questi strumenti anche di tanto in tanto, come i giardinieri, perché garantiscono un elevato livello di protezione da questi infortuni che possono essere anche gravi.
La norma EN 381 distingue quattro classi che risultano in fase di test di questo abbigliamento con motoseghe, in base alla velocità della catena. Vale a dire:

Classe 0: 16 m/s

Classe 1: 20 m/s

Classe 2: 24 m/s

Classe 3: 28 m/s

Per gli arti inferiori distinguono inoltre i tipi A,B e C nel modo seguente:

Tipo A: sulla parte anteriore di tutte e due le gambe una protezione 180°, in più 5 cm sulla parte inferiore della gamba destra e 5 cm sulla parte esterna della gamba sinistra.

Tipo B: simile al modello A con 5 cm di protezione in più sulla parte inferiore della gamba sinistra.

Tipo C: protezione completa a 360° della gamba destra e della gamba sinistra.

Infine, per quanto riguarda la manutenzione di questi speciali capi d’abbigliamento si indica ciò che danneggia la protezione inficiando la sicurezza: il calore intenso tanto da bruciarne la superficie; l’eccessivo sporco; un errato lavaggio (mai oltre i 60°, mai centrifuga, mai asciuga biancherie ma solo asciugatura appendendo a piombo). Una volta rovinato l’indumento antitaglio non può essere riparato e si deve provvedere ad acquistarne un altro.


Fai la tua Domanda

Il tuo indirizzo Email non verrà pubblicato.

* Campi Richiesti